La Tradizione British delle Christmas Cards | La Conosci?

CHRISTMAS CARDS | How Did it Start?in english

La tradizione è iniziata nel Regno Unito nel 1843 da Sir Henry Cole. Un alto funzionario che aveva contribuito ad aprire il nuovo ufficio postale. Gli venne l’idea dei biglietti di Natale insieme a John Horsley, un artista. John progettò la prima card. La card era divisa in 3 sezioni, come una cartolina pieghevole, l’esterno mostrava persone che si prendevano cura dei poveri, all’interno della card c’era una famiglia durante una ricca cena di Natale. Non solo questo sembrava un po ‘controverso, ma molti si lamentarono perché nel disegno interno c’era raffigurato  un bambino con un bicchiere di vino!

Comunque, riuscirono a vendere  più di 1000 cards.

Queste cards originali sono ora, naturalmente, molto rare e valgono un sacco di soldi. Queste cards originali sono state pubblicizzate con un particolare slogan: “Appena pubblicato, un biglietto di congratulazioni di Natale; o immagine emblematica di antica festa inglese per perpetuare ricordi gentili tra cari amici“!

Il primo ufficio postale aperto al pubblico fu aperto nel 1840, e Sir Cole introdusse il “penny Post” che aiutava la gente comune a inviare carrds e altra posta, prima di questo, solo i ricchi potevano permettersi di inviare lettere dall’ufficio postale. Inoltre, intorno al 1843 nel Regno Unito vi erano nuove ferrovie in costruzione, e questo naturalmente aiutava con la distribuzione e ha contribuito a ridurre i costi. Le cards sono diventate molto popolari e dopo alcuni anni, era possibile inviare un bigliettino di auguri di Natale per la metà del prezzo.

Nel 1860 i metodi di stampa erano ormai migliorati molto, quindi erano disponibili nuovi disegni e piu’ scelta. Inoltre, il costo dell’invio  continuava a diminuire permettendo a sempre più persone di essere in grado di inviarne una.

assorted reading book lot

Nel 1910 l’usanza si diffuse al di fuori del Regno Unito e particolarmente in Germania. I primi biglietti  avevano  immagini del presepe. Negli Stati Uniti la stampa delle cartoline di Natale inizio’  praticamente allo stesso tempo, ma erano molto costose, quindi in pochissimi potevano comprarle. Un tipografo tedesco professionista iniziò la produzione di massa di cartoline di Natale, quindi più persone potevano permettersele. Questo accadde nel 1875, quindi sicuramente più tardi rispetto al Regno Unito.

Nel 1915, John Hall creò Hallmark Cards, il famoso marchio che conosciamo ancora molto bene oggi!

Negli anni ’20, le cards fatte in casa divennero popolari. Erano abbastanza simili a quelle che facciamo ancora oggi: usando carta, cartone, nastri e colori. Al giorno d’oggi, le cards sono disponibili in qualsiasi forma, dimensione e design. Possono essere trovate ovunque da metà ottobre e possiamo scegliere tra un bigliettino unico a interi pacchetti, che di solito sono molto convenienti. Anche se tendiamo a fare tutto in modo digitale ormai, la tradizione di inviare cartoline di Natale non è morta. PSicuramente è meno popolare, ma a molti piace ancora scegliere la card giusta per la persona giusta, e soprattutto, come tradizione, amiamo esporle su uno scaffale a casa!

  • il 15% delle carte sono acquistate da uomini.
  • Nel Regno Unito circa 50 milioni di sterline sono aumentati da Charities che vendono cartoline di Natale.

person holding white and brown card

Nel 2015 il numero di cards inviate era sceso un bel po ‘, ma i produttori ottenenro comunque un ottimo profitto dalla vendita, perchè compresero che le persone amavano ancora inviare cards individuali, così aumentarono il prezzo per queste, e riuscirono a raggiungere la cifra stabilita per le vendite.

Quando eravamo bambini le nostre famiglie ricevevano un sacco di cards e le mostravano in giro per la casa. Era bello e tutto molto natalizio. Sembra che questo si sia perso un po’, ma molti di noi trovano ancora un po ‘di tempo per uscire, prendere le cards, scriverle e inviarle. Se vivi a Londra potresti non avere tempo per un tale lusso (scrivere una card e inviala!), ma la tradizione è ancora iattiva in piccoli villaggi in campagna, luoghi dove conosci ancora il nome del tuo postino e hai un lattaio che si ferma ogni mattina. Al giorno d’oggi vogliamo arrivare a tuttosubito, non c’è tempo per aspettare una card. Quindi dovremmo tutti fare un piccolo sforzo quest’anno e inviare un bigliettino  a qualcuno di speciale per noi.

Prendendoci del tempo per farlo, mostreremo loro quanto ci importa.

Quando la tradizione iniziò, le famiglie inviavano circa 300 cards per famiglia. Ora è stato stimato che la media è 8 per famiglia. Vogliamo davvero che questa tradizione muoia? Non hai scuse; ora possiamo trovare le cards così facilmente e per pochi soldi. Esci, trovane una che ti piace ed inviala a qualcuno con un messaggio speciale, sicuramente lo apprezzeranno!

Le Cards di natale sono certamente meno usate come tradizione italiana, ma essendo un gesto veramente bello, e’ una tradizione che si puo’ benissimo cominciare, non e’ mai tardi  per queste cose!

la tradizione e’ sempre stata cosi’ forte che ormai da anni, Post Office annuncia ogni anno le date entro le quali e’ possibile spedire le Cards in modo che arrivino in tempo per Natale.

Le date per il 2019 si trovano Sul Sito Del Post Office.

Se sei in vacanza a Londra da metà ottobre in poi, ne troverai tantissime di ogni tipo. Paperchase, Scribbler, Clintons, ma anche nei supermercati, molto belle quelle di M&S. Ci sono singole e troverai anche i pacchi da 5, 10 ed anche 20 cards!

brown box and string lights

2 thoughts on “La Tradizione British delle Christmas Cards | La Conosci?”

  1. io adoro scrivere e ricevere lettere e biglietti.. sono un pò all’antica. Quindi per Natale mando una “card” alle persone care che vivono lontane – soprattutto se anziane – con un pensierino affettuoso e allego sempre ai miei regalini un biglietto personalizzato proprio perchè le cose scritte sono sempre più intime. A quanto vedo, contribuisco a mantenere viva una tradizione che rischia di perdersi con l’era digitale! p.s. detesto invece quei messaggi a catena che arrivano a tutti con lo stesso testo banale e anonimo

  2. non conoscevo questa storia e sono contenta di averla letta. Devo dire che fino a qualche anno fa ricevevo moltissime Christmas Card (fino ad una decina di anni fa era consuetudine per le aziende mandare i bigliettini d’auguri in cui informavano che avevano fatto una donazione ad una onlus a tuo nome). Poi questa usanza è sparita e ricevo decine di card via email senza anima.

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *